Vivere oppure // To live or

 

Prendere la macchina fotografica ed uscire fuori a raccontare il mondo ti fa sentire come un’esploratrice a caccia di tesori. Attraverso l’obbiettivo, si è spettatori del mondo che ci scorre davanti. Si è nascosti, quasi in agguato. Amo il distacco che questo provoca. La prospettiva diversa sul mondo che ci circonda, spesso molto più nitida, che si offre allora a noi. Inevitabilmente, però, se si è fuori, non si è dentro. Non del tutto perlomeno, non allo stesso modo. Se si è occupati a fotografare una scena, non la si vive appieno.

Dove si trova il limite, allora? Quand’è che la passione del documentare la propria vita diventa eccessiva?

La mia risposta, del tutto soggettiva e personale, è che, alle volte, tra vivere un attimo oppure fotografarlo, è meglio scegliere la prima opzione. Pazienza, se l’unica immagine che mi resta è quella del mio ricordo. Va più che bene.

E voi, cari amici fotografi, cosa ne pensate?

*Più in basso, qualche immagine di un pomeriggio di sole trascorso nel bel giardino del Quai Branly, che vi consiglio caldamente di andare a scoprire se non lo avete ancora fatto.

DSC_0269DSC_0267DSC_0271DSC_0272DSC_0270DSC_0273

Grabbing a camera and going outside makes you feel ike an adventurer looking for treasures. Through the lens, we are spectators to the world which surrounds us. We are somewhat hidden, almost in ambush. I love the distance this creates. The different , often much clearer, perspective it gives on whatever I’m looking at.

Inevitably though, if I’m out, i’m not in. Not completely, not in the same way. If I’m shooting something, I’m not living it (fully). Even more so today.

Where do you draw the line then? When does the passion for documenting your life become too much? 

My very personal answer is that sometimes it’s better to live a moment than to capture it on film. Amen if my memories are the only track that’s left. It’s fine, really.

And you, what do ou think?

*Up above, a couple images from a sunny afternoon spent in the lovely garden of the Quai Branly, which I strongly recommend visiting if you haven’t already.